Il Vatnajökull, la distesa di ghiaccio più grande d’Islanda

Il ghiacciaio visto verso Jökulsárlón / photo: wikipedia

Il ghiacciaio visto verso Jökulsárlón / photo: wikipedia

Luglio 2014. Non so da voi, ma qui da me, nella terra che non esiste (il Molise), tutto sembra fuorché estate. Non che la cosa mi dispiaccia, sono intollerante al caldo soffocante, solo che un periodo estivo così non credo di averlo mai vissuto.

Con questo clima è difficile immaginare una spiaggia assolata e la tintarella imminente. La cosa mi rincuora non poco: per la prima volta nessuno può prendere in giro il mio pallore, visto che abbronzarsi con queste temperature è un po’ difficile.

Mentre curiosavo tra le foto di Instagram, leggendo commenti seccati degli amici vacanzieri costretti a beccarsi pioggia e grigio, ho trovato una foto di un luogo dove il freddo è di casa. Si trattava di un ghiacciaio dal nome improponibile, manco a dirlo era in Islanda. Guardando quella foto mi sono chiesta quale fosse il ghiacciaio più grande di quella terra. E così ho scoperto il Vatnajökull.

Situato a sud est dell’isola, il Vatnajökull si estende per circa 8.100 km² e non è solo il più grande ghiacciaio d’Islanda è anche quello più grande d’Europa e il quarto al mondo per estensione.

Un esploratore italiano – Michele Pontrandolfo – l’ha attraversato in tutti i punti, affrontando anche raffiche di vento a oltre 200 km/h. Le immagini della sua avventura si possono vedere sul suo sito, a partire dalla spedizione del 2003, per poi proseguire a quelle del 2005 e del 2008, fino ad arrivare all’ultima del 2011.

Sotto la superficie del Vatnajökull sono presenti vulcani attivi che, quando eruttano, sciolgono i ghiacci. Ho cercato nel web qualche filmato su questo paesaggio immenso, ma erano tutti troppo limitanti. Così ho trovato un documentario che testimonia, tra l’altro, proprio l’eruzione di un vulcano, il Grímsvötn, avvenuta nel 1996 con la successiva formazione di un enorme lago glaciale.

Immaginate che spettacolo della natura. Ghiaccio in superficie e fuoco nelle viscere. Meraviglie d’Islanda.

Pubblicato il 22/07/2014, in road to..., viaggi&turismo con tag , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 3 commenti.

  1. Ci sono stato, nel 2005. L’Islanda la consiglio vivamente, è una terra incredibile, dai contrasti più estremi, fuoco e ghiaccio, terra e acqua, luce e buio… Panorami mozzafiato, natura padrona!

  1. Pingback: Di eruzioni vulcaniche e vacanze in partenza. Bárðarbunga is not a new Eyjafjallajokull | just a storyteller

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: